La maggior parte della popolazione mondiale ormai vive nelle aree urbane.

Questo dato è inesorabilmente destinato a salire: sembra certo che il destino dell’umanità sia quello di vivere nelle città. Cosa ha a che fare tutto ciò con il giardinaggio?

Il nesso esiste e come.

Lo sconfortante scenario in cui collochiamo le città come un ambiente artefatto, inquinato, grigio, trafficato e rumoroso deve fare i conti con la possibilità di renderlo un background bello, sano ad una semplice condizione: prendersi cura del suo verde.

Quali sarebbero i benefici che conseguirebbero ad una massiccia opera di giardinaggio per la cura del verde in città? Scopriamolo.

Che una delle ragioni per le quali la disinfestazione non viene molto praticata nella fredda stagione sia legata al senso comune è ormai dato certo: è questo che ci induce a ritenere che il freddo abbia una sua logica, magari, perché no, quella di sconfiggere i parassiti e gli infestanti e rinnovare la vita.

In effetti, accomuna tutti noi l’idea che picchi di temperature sotto lo zero rendono utopica la sopravvivenza di insetti e parassiti.

Ebbene, la verità è un'altra: l’istinto di sopravvivenza delle specie è più forte di qualsiasi altra cosa al mondo, essendo esso impossibile da sradicare, per fortuna … diciamolo pure!

Ebbene, vi è più di una ragione per la quale è bene non mettere “in cantina” la disinfestazione invernale per poi recuperarla agli inizi dei primi tepori.

Scopriamone qualcuna.

Riuscire a realizzare un bel prato verde, soprattutto con l’arrivo della bella stagione, è sicuramente il sogno degli amanti del giardinaggio e di chi dispone di un’abitazione con un ampio giardino da arricchire. L’interrogativo che sorge spontaneo sottoporsi è però, giustamente, come scegliere i semi per prato più appropriati e più idonei al proprio giardino, in presenza di una risposta da parte del mercato assai policroma e variegata.
Come in tutte le attività di giardinaggio, una corretta pianificazione dei passaggi e degli strumenti di cui avvalersi rappresenta certamente il canale privilegiato per ottenere buoni risultati.
Occorre dunque operare una corretta valutazione dell’obiettivo che si vuole raggiungere tenendo conto, principalmente, della destinazione che si vuole conferire al proprio spazio verde.

Problemi sanitari e danni economici rappresentano presupposti più che sufficienti per bonificare un ambiente tramite una buona disinfestazione.
A queste problematiche, si aggiungono danni di immagine, che la presenza di animali infestanti cagiona, soprattutto negli ambienti di lavoro.
Tuttavia, non tutti gli interventi sono apprestati allo stesso modo dal personale specializzato presente sul nostro territorio, e tanto dipende non solo dalle competenze e dagli strumenti di cui si avvalgono, ma anche da tutta una serie di variabili che, da caso in caso, incidono sull’opera di disinfestazione da apprestare.
Variabili a parte, è doveroso, in ogni caso, tenere ferma la costante rappresentata dalla sicurezza.
Per garantirla, è bene iniziare da una corretta pianificazione.

Il nutrimento è vita, per tutti gli esseri umani. Il discorso vale anche per le piante, imprescindibile linfa per la sopravvivenza dell’uomo, per le quali si rende a volte necessario, nel settore del giardinaggio, ricorrere all’uso del concime.
Se dunque è intuibile la ragione per la quale bisogna concimare, quello che non è del tutto chiaro è in quali casi ciò si renda inevitabile.
Quand’è dunque che si deve ricorrere ad una, più o meno intensa, opera di concimazione?
Come farlo senza ricorrere all’opera di un giardiniere, evitando allo stesso tempo che questa operazione “fai da te” vada a detrimento delle nostre piante?
E, ancora: quale differenza corre nel giardinaggio tra le piante da fiore o da frutto, in ordine alla quantità e qualità di concime da utilizzare?
Si tratta di interrogativi assolutamente legittimi che sarà bene chiarire onde evitare di arrecare un danno, anziché un vantaggio, ai nostri cari “amici verdi”.

 


Per disinfestazione si intende, generalmente, quell’insieme di operazioni che tendono ad eliminare, o quantomeno a limitare, i parassiti ed i loro danni.

Essa non può essere intesa come mera applicazione dei prodotti spray negli ambienti domestici, potendosi, per estensione, riferire piuttosto a veri e propri piani di lotta.

Il termine disinfestazione, in senso stretto, si riferisce, più propriamente, alla lotta contro gli insetti, potendosi più correttamente definire la lotta contro i ratti derattizzazione e quella contro le malerbe diserbo. In ogni caso, in senso lato, rientra nella disinfestazione qualsiasi attività mirata a neutralizzare i parassiti scongiurandone la loro diffusione.

A cosa si può andare incontro in assenza di una efficace e professionale opera di disinfestazione?

Iniziamo a mettere luce sulle possibili conseguenze.

Giunge l’autunno, la vegetazione cambia aspetto, tutto si tinge di meravigliosi colori … ed ecco che si rende imperativo dedicarsi al giardinaggio.

Un giardino bello, pulito e fiorito è il massimo che ci si possa aspettare, ma per conseguire questo obiettivo non tutti sono pienamente consapevoli che l’errore numero uno consiste nel trascurarlo nelle stagioni autunno e inverno.

Sono molti coloro che, complici le dimensioni contenute del loro giardino, vogliono dedicarsi al fai da te, ma altrettanto numerosi sono coloro che, loro malgrado, compiono scelte che andrebbero, di contro, scongiurate per evitare di ottenere brutte sorprese nella bella stagione.

Ecco di seguito gli errori più comuni commessi dagli amanti del giardinaggio fai da te.

Attrezzarsi opportunamente e provvedere alla disinfestazione del proprio giardino da soli rappresenta, per molti, un’operazione assai appetibile, soprattutto di questi tempi, vista la crisi che imperversa senza pietà sul nostro intero paese.
Ma quali rischi cela, in questo caso, la formula del fai da te che impazza oggi tra le fila della popolazione alle prese con consigli e suggerimenti rinvenuti, a volte in maniera precipitosa e poco oculata, sul web?
Affidarsi ad una ditta di disinfestazione specializzata come disinfestazionimilano.it rappresenta la soluzione per molti versi più ragionevole. Giova comunque effettuare un’analisi obiettiva dei pro e dei contro dell’una e dell’altra possibilità.

Sottocategorie

 

cookie informativi

I cookie sono piccoli file produtti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.