Luxer implementa metodologie per le pulizie giornaliere e le sanificazioni periodiche per tutti i tipi di ambienti lavorativi e non.

In presenza di locali all’interno dei quali si è riscontrata la presenza di individui affetti da patologia riconducibili al Covid- 19,  Luxer provvede alla pulizia e sanificazione dell’area secondo le disposizioni della circolare n. 5443 del 22 febbraio 2020 del Ministero della Salute.

Sarà cura del cliente provvedere ad una corretta ventilazione di tutti i locali.

Luxer utilizza esclusivamente prodotti per uso professionale, ovvero biocidi o PMC autorizzati dal Ministero della Salute con azione virucida dichiarata in etichetta, selezionando quelli con il più basso impatto ambientale.

E’ consigliabile una pulizia di tutti i locali ad ogni fine turno lavorativo e il servizio di sanificazione di:

  • Monitors;
  • Telefoni;
  • Tastiere;
  • Maniglie porte finestre;
  • Lavagne;
  • Scrivanie;
  • Calcolatrici ecc.

Il programma di sanificazione

Il programma d’intervento ambientale ed il relativo meccanismo di attuazione possono variare in base alle dimensioni della struttura ed al rischio di contaminazione.

Il programma comprende:

  • L’organizzazione delle attività da svolgere secondo quanto pianificato per le aree diversamente esposte al contagio;
  • La gestione dei prodotti e delle attrezzature di disinfezione e degli indumenti di lavoro, compreso il loro approvvigionamento ed eventuale sanificazione o smaltimento;
  • La responsabilità della gestione diretta degli interventi.

Un programma di sanificazione si deve basare sulle Buone Prassi Igieniche (GHP) in cui vengono riportate in modo specifico tutte le istruzioni per lo svolgimento delle operazioni di pulizia e disinfezione.

Le disinfezioni sono efficaci nell’ambito di un piano di sanificazione degli ambienti , ove la pulizia precede il trattamento, non solo togliendo lo sporco visibile ma anche quello più impercettibile. E ove vengono seguite modalità operative appropriate in materia di concentrazione, tempo di contatto, temperatura e pH.

Per eseguire una corretta disinfezione e decontaminazione di uno spazio che potrebbe aver recentemente subito la presenza di coronavirus, ed in generale qualsiasi altro tipo di virus, è richiesta una profonda conoscenza dell'agente da rimuovere. Nel caso specifico, le conoscenze su SARS-CoV-2 sono ancora in fase di studio e poiché non sono ancora ben note tutte le modalità di trasmissione e di resistenza nell’ambiente, è necessario applicare procedure di sanificazione secondo protocolli validati per altri patogeni al fine di utilizzare i prodotti chimici più appropriati. Quindi, fino a quando non saranno prodotte ulteriori informazioni, si farà riferimento alle tecniche di decontaminazione già sviluppate e che sono state utilizzate per precedenti ceppi di coronavirus o riportate nelle pubblicazioni scientifiche più recenti.

 

DISINFEZIONE PREVENTIVA

La disinfezione preventiva si attua nei casi in cui non siamo a conoscenza della presenza o meno di coronavirus, ma si vuole comunque garantire la disinfezione anche di ambienti civili.

In questi casi il protocollo di intervento varierà a seconda della tipologia dei locali, dell’utilizzo degli stessi e del tipo di utenza alla quale sono destinati.

Può essere prevista una disinfezione mediante nebulizzazione, preferibilmente svolta dopo preliminari attività di pulizia.

Una volta terminato il tempo d’azione ed il periodo di sicurezza indicato nella scheda di registrazione del prodotto disinfettante, e dopo aerazione dell'area trattata, potranno essere ripresi i normali servizi di detersione stabiliti nel programma d’intervento.

Le operazioni di pulizia e disinfezione vanno sempre eseguite spostandosi dalle aree meno inquinate verso quelle più inquinate.

Le operazioni di pulizia e disinfezione procedono dall’alto verso il basso. Il pavimento è l’ultima superficie trattata. Vanno pulite e disinfettate accuratamente le superfici orizzontali nei locali confinati, concentrandosi in particolare sulle superfici di stazionamento prolungato o quelle a più alta frequenza di utilizzo e contatto (ringhiere, rubinetti, tavoli, interruttori, maniglie delle porte, telefoni), ed intorno ai letti per un perimetro con un raggio di almeno 2 metri.

Per evitare la possibile generazione di aerosol durante le attività di pulizia, è opportuno che vengano utilizzati panni inumiditi, anziché spolverare o spazzare.

 

DISINFEZIONE CON NEBULIZZATORI E IDROPOMPE CARRELLATE

Metodi di applicazione del disinfettante

I metodi di applicazione disponibili consentono di portare il disinfettante a contatto con la superficie interessata. La scelta del metodo ottimale, e quindi della specifica attrezzatura, dipende dalle condizioni specifiche dell’ambiente in cui si deve operare.

I disinfettanti chimici sono normalmente applicati mediante i seguenti metodi:

Nebulizzazione

Questo metodo implica l’utilizzo di un disinfettante sciolto in acqua e di un dispositivo nebulizzatore spray per distribuire la soluzione sulle superfici da disinfettare.

I dispositivi più comuni sono rappresentati da nebulizzatori professionali a pressione e pompe precompresse ad alta efficienza.

Luxer utilizza i seguenti apparecchi:

ULV

  • I NEBULIZZATORI ULV sono in grado di produrre goccioline di diametro inferiore ai 20 μm, garantendo una copertura uniforme con volumi bassi di soluzione. Tali apparecchiature sfruttano particolari ugelli rotanti per generare l’aerosol.
  • TERMONEBULIZZATORI (a caldo) che producono goccioline ultra-fini in una dimensione variabile fra 0,5 e 50 μm utilizzando l’energia termo-propulsiva.

Secondo le recenti norme, in seguito alla situazione mondiale odierna, tutti gli spazi lavorativi e produttivi dovranno essere sottoposti a servizi di pulizia e sanificazioni periodiche e certificate, per prevenire infezioni da batteri e virus, garantendo così ambienti di lavoro sicuri e incontaminati.

Per questo Luxer offre pacchetti personalizzati e programmati in base agli spazi e le esigenze dei clienti.

Luxer offre l'attestazione a disinfezione eseguita.

 

AGEVOLAZIONI PER LE AZIENDE

Inoltre le aziende hanno diritto al credito d’imposta sul servizio di sanificazione, come riportato qui di seguito dal decreto “ cura italia “ (articolo 64):

Un nuovo credito d’imposta, dunque, valido per tutti i datori di lavoro che, come abbiamo detto, effettuano la sanificazione dei locali.

Il bonus spetta nella misura del 50% delle spese effettuate, appunto, per gli interventi di sanificazione dei locali e degli strumenti di lavoro, fino ad unmassimo di 20mila euro.

Il credito è valido per il periodo d’imposta 2020, e potrà essere utilizzato in compensazione attraverso il modello f24.

 

cookie informativi

I cookie sono piccoli file produtti dal server del sito visitato che vengono scaricati e memorizzati nel disco rigido del computer dell'utente tramite il browser quando lo si visita. I cookie possono essere utilizzati per raccogliere e memorizzare i dati utente durante la navigazione per offrire servizi come il login al sito, una condivisione su social network ecc.. Possono essere essere di natura duratura e rimanere nel pc dell'utente anche dopo la chiusura della sessione dell'utente o svanire dopo la chiusura di essa. I cookie possono del sito che si visita (locali) o di terze parti.

Ci sono diversi tipi di cookie:

  • Cookie tecnici che facilitano la navigazione degli utenti e l'utilizzo delle varie opzioni o servizi offerti dal web, come identificare la sessione, consentire l'accesso a determinate aree, facilitano gli ordini, gli acquisti, la compilazione di moduli, la registrazione, sicurezza, facilitando funzionalità (come ad esempio la visione di video ecc...),
  • Cookie di profilazione che consentono agli amministratori di tracciare le attività degli utenti e di mandar loro pubblicità mirata,
  • cookie di terzi parti che consentono l'integrazione del sito con servizi come i Social Network (cookie sociali) per permetterne la condivisione, cookie flash per la visione di video ecc...

Quindi, quando si accede al nostro sito web, nel rispetto della Direttiva UE 2009/136/CE e del provvedimento 229 dell'8 maggio 2014 del garante della privacy, l'utente ci autorizza all'utilizzo dei Cookie. Tutto questo è per migliorare i nostri servizi. Usiamo Google Analytics per raccogliere informazioni statistiche anonime come il numero di visitatori del nostro sito. I cookie aggiunto da Google Analytics sono disciplinate dalle norme sulla privacy di Google Analytics. Se volete potete disabilitare i cookie di Google Analytics.

Tuttavia, si ricorda che è possibile abilitare, disabilitare, limitare l'utilizzo e cancellare automaticamente i cookies seguendo le istruzioni del tuo browser.